Amatrice (RI) - Vincolato il complesso del Don Minozzi

30/10/2020

Amatrice_Don Minozzi_3

È stato pubblicato il decreto, a firma del Segretario Regionale Leonardo Nardella, che vincola la chiesa di Santa Maria Assunta e pone altresì un vincolo di tipo indiretto sull’intera area del complesso del “Don Minozzi” di Amatrice (RI).

Il vincolo è stato fortemente voluto dalla Soprintendenza Archeologia, Belle arti e Paesaggio per le province di Frosinone, Latina e Rieti per contemperare le istanze e le urgenze della ricostruzione con la salvaguardia di un sito di estremo interesse per la popolazione amatriciana.

Purtroppo, a seguito delle scosse sismiche del 2016, gli edifici che componevano il complesso “Don Minozzi” sono stati fortemente danneggiati, al punto che qualunque tentativo di restauro e consolidamento avrebbe portato al concreto rischio di interventi tanto invasivi da snaturare e falsificare il senso spaziale e costruttivo originario.

L’assunto fondamentale è che non sono tanto gli edifici nella loro materialità il bene più prezioso da salvaguardare, quanto la visione sociale dei fondatori dell’Opera Nazionale per il Mezzogiorno d’Italia - il senso di comunità, il lavoro, la formazione, l’accoglienza - che ha informato il piano generale di Arnaldo Foschini. Su questa base la Soprintendenza ha inteso elaborare un vincolo entro cui è possibile agire per tutelare quella visione e la sua conseguente esplicitazione spaziale.

Facendo fulcro sulla chiesa di Santa Maria Assunta, lo studio Stefano Boeri Architetti (incaricati dall’ONPMI) si muoverà dunque entro l’alveo di prescrizioni pensate per ripristinare un luogo che è il simbolo fisico della tenacia nel tentare di (ri)costruire, dopotutto, un modello di vita sostenibile, non solo da parte di Padre Minozzi e Padre Semeria, ma della città di Amatrice tutta.